Dip.to TeSAF

In caso di infortunio

L'emergenza va gestita dal personale addetto secondo quanto previsto dalle norme di comportamento in caso di emergenza. Comunque in caso di difficoltà chiamare sempre il pronto soccorso.  
Dal punto di vista giuridico, tutto il personale, gli studenti, i dottorandi, i borsisti e i collaboratori con un rapporto formalizzato sono tutelati nei confronti degli infortuni e delle malattie professionali (ai sensi del D.P.R. 1124 del 30/06/1965) e in tal caso è necessario rispettar il seguente iter:

1) recarsi al più vicino pronto soccorso o, in alternativa dal medico curante, per accertare la gravità dell'infortunio richiedendo il rilascio del certificato medico INAL / verbale del pronto soccorso dal quale risulti la prognosi (da consegnare alla segreteria di Dipartimento);

2) inviare (tramite segreteria di Dip.) una comunicazione, con raccomandata (o consegnare a mano), al Servizio Coordinamento Fiscale e IVA dell'Università, a cui va allegata la documentazione medica rilasciata dal pronto soccorso, utilizzando uno dei seguenti moduli e relativi allegati:
- modulo per il dipendente infortunatosi in sede
- modulo per il dipendenti infortunatosi in missione
- modulo per il personale non strutturato (studenti, borsisti, collaboratori ...)

Qualora la prognosi si protragga oltre i giorni indicati inizialmente nel verbale di pronto soccorso, successivame con raccomandata (o consegnare a mano), al Servizio Coordinamento Fiscale e IVA dell'Università, inviare anche:
a) la dichiarazione di prosecuione inortunio allegando i certificati medici e le note spese in originale (fatture, ricevute...)
b) la chiusura dell'infortunio comprovata da certificato medico.
In entrambi i casi usare il seguente modulo: (versione in pdf

Per ulteriori dettagli vedere la circolare di Ateneo (formato pdf).

Attenzione: per tutte le incombenze sopra riportate fare sempre riferimento alla segreteria del Dipartimento.